Inizialmente adottato come misura di sopravvivenza per oltre 6 milioni di lavoratori durante il lockdown del 2020, oggi il remote working rappresenta non più un'alternativa, ma la normalità per numerose aziende, e DigitalMakers è tra queste.

A un anno e mezzo dalla sperimentazione del sistema ibrido, a cui è seguita una transizione completa al remote working sei mesi fa, siamo pronti a tirare le somme e a fare un’analisi dei pro e dei contro di questa nuova modalità di lavoro.

Leggi l’articolo e scopri i 5 vantaggi e i difetti che abbiamo riscontrato dall’adozione del full remote working.

Che cosa significa lavorare (davvero) da remoto?

Liberarsi dai confini fisici degli uffici tradizionali significa aprirsi a un nuovo mondo di possibilità. Ma partiamo con ordine facendo una distinzione tra smart working, telelavoro e remote working.

Lo smart working trasforma il modo in cui intendiamo la produttività e il benessere a lavoro, cambiando approccio non solo in merito al luogo in cui si lavora, ma anche rispetto a una maggiore flessibilità di orari e puntando in primo luogo all’efficienza.

Qui il focus è sulle competenze e sugli obiettivi: se il lavoro viene completato nei tempi stabiliti, non importa dove o come il lavoratore scelga di dedicarsi alle proprie attività. È una filosofia lavorativa che mette il talento e i risultati al centro, senza vincoli temporali rigidi.
Segue poi il telelavoro, in cui al lavoratore viene semplicemente concesso di lavorare da un luogo diverso rispetto alla sede aziendale, seppur dovendo rispettare orari e tempi della base operativa.

Infine, il remote working offre la libertà di scegliere il luogo da cui lavorare e una discreta flessibilità sull’organizzazione della propria timeline, pur dovendo rispettare le necessità dell’organizzazione. Che sia una tranquilla spiaggia o un vivace co-working, nel remote working ogni spazio può diventare un ufficio.

Lavoro da remoto, ogni luogo può diventare un ufficio

Chi sono i South worker? Gente come noi!

Quali sono le sfide che hai affrontato e affronti per lavorare in questo settore da una regione del Sud Italia?

Grazie all’apertura verso questi sistemi di lavoro stiamo andando verso un mondo destrutturato in cui non importa più avere una sede fissa, perché il lavoro non è l’unica sfera di cui gli individui devono tener conto. È il caso dei nomadi digitali, che scelgono di adottare uno stile di vita itinerante lavorando da ogni parte del mondo grazie all’aiuto della tecnologia.

Ma il lavoro da remoto permette anche il ritorno alle origini per chi sente forte il richiamo della propria terra: è l’esempio dei giovani talenti del Sud che non hanno più bisogno di emigrare per lavorare in un’azienda del Nord Italia.

South working: lavorare a distanza dal Sud Italia

Il South working, anche questo figlio dell’esperienza del Coronavirus, è un fenomeno che è stato studiato a lungo dall’associazione omonima, South working, che dimostra quanto non serva la fuga dal Mezzogiorno per trovare lavoro e per far crescere il paese.
Lavorare in maniera agile dalle aree marginalizzate dell’Italia contribuisce a produrre effetti positivi per lavoratori, aziende e nel complesso per tutto il territorio.

Ma non finisce qui. Anche noi di DigitalMakers abbiamo imparato che lavorare nel marketing digitale dalla Sicilia è possibile applicando un sistema ibrido remote-first. Come per tantissimi in Italia, lo scenario post pandemico ci ha aperto l’orizzonte di nuove scelte sia strutturali che di workflow. Quindi, sì: riorganizzando i nostri flussi interni e implementando alcune piccole best practice, siamo fieri di poter dire che il remote working per DigitalMakers si conferma una modalità di lavoro che contribuisce al benessere di tutti i Makers e ne migliora la produttività.

Ma non ci dimentichiamo mai dei contatti tra colleghi che restano fondamentali ai fini dell’output e fanno bene al cuore. E poi, il nostro ufficio vista mare rimane sempre l’headquarter da cui prendono forma i progetti, da cui incontriamo i clienti e da cui ci riuniamo per qualche aperitivo improvvisato.

Smart working, i rischi per i lavori creativi

Operativi da remoto: i 5 vantaggi…

Il 2023 si è chiuso con un trend positivo per il lavoro da remoto, registrando un 541% di lavoratori in più rispetto al periodo pre-Covid. I dati, raccolti dall'Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano, riportano una tendenza in aumento che porterà entro il 2024 a 3,65 milioni di remote worker.

La possibilità di plasmare il proprio spazio di lavoro in modo unico e personale si riflette positivamente sul completamento delle task: si è dimostrato che immergersi nella quiete di un luogo familiare con meno stimoli può favorire la concentrazione e aumentare la produttività fino al 20%.

Ma gli aspetti positivi del remote working sono evidenti anche su altri livelli, a cominciare da quello del benessere del lavoratore. L'OMS ha condotto una ricerca sul benessere psicologico, fisico e relazionale dei remote workers, evidenziando che il 30% dichiara di stare bene fisicamente, il 35% riporta un elevato livello di benessere psicologico e il 37% riferisce un alto benessere relazionale.
In generale remote worker e smart worker mostrano livelli di benessere simili e più elevati rispetto a quelli dei lavoratori on-site.

Spostare la sveglia di un'ora e più, concedersi un power-nap in pausa pranzo e coltivare hobby dopo le 18 sono solo alcuni tra gli aspetti più noti che contribuiscono a ridurre lo stress legato alla routine.

Ma il remote working registra anche dati incoraggianti nella tutela e salvaguardia dell’ambiente. Riducendo gli spostamenti e l'utilizzo degli uffici, si risparmiano fino a 600 kg di CO2 all'anno per lavoratore e oltre 150 ore di tempo da dedicare a se stessi.

I 5 vantaggi del remote work

Tirando le somme, ecco i 5 vantaggi del lavoro da remoto che abbiamo individuato sulla base della nostra esperienza (e che non sembrano discostarsi dalle statistiche):

  1. Work-life balance migliorata
  2. Maggiore concentrazione e produttività
  3. Miglioramento del benessere fisico rispetto al lavoro in presenza
  4. Stress in calo grazie a una routine meno serrata
  5. Minor spreco di risorse per raggiungere il posto di lavoro, nonché un minor impatto sull’ambiente.

Nonostante questo, vogliamo precisare che il remote working non è privo di difetti e che, se non regolamentato, può comportare dei rischi tanto per i lavoratori quanto per le organizzazioni.

…e tutti i difetti. Come fare per non sprecare l’opportunità del lavoro da remoto

Sempre secondo i dati dell’Osservatorio del PoliMi, il 30% dei remote worker riferisce una maggiore percezione di tecnostress, vale a dire una forma di stress causata da un utilizzo eccessivo, smodato e disfunzionale della tecnologia.
D’altronde, se prima si riusciva a risolvere una questione con un semplice confronto a voce, adesso anche il più piccolo dubbio si trasforma in una mail o in una call. E tra calendar, notifiche, mail e telefonate, risulta evidente che il remote working porta tutti ad essere inevitabilmente ancora più connessi.

L’impatto del remote working per i creativi sembra essere ancora più rischioso, in quanto privati del confronto periodico con i colleghi. Questi momenti rappresentano non solo un'opportunità per valutare il progresso dei progetti, ma anche un'occasione per alimentare l'ispirazione reciproca. La diminuzione delle interazioni riduce inevitabilmente lo scambio spontaneo di idee e la contaminazione delle esperienze, ridimensionando tutto ciò che rende il luogo di lavoro un ambiente creativo e pulsante.

Come fare per trovare un equilibrio?

Prima di tutto, è essenziale auto-imporsi dei limiti fisici e temporali. Lavorare da casa non significa necessariamente trasformare la propria abitazione in un ufficio. Trovare un luogo dedicato o stabilire una collocazione routinaria aiuta a separare concettualmente lo spazio dedicato al lavoro da quello familiare e domestico.
Anche rispettare gli orari di inizio e di fine è fondamentale: concedersi un’ora di pausa pranzo e un paio di pause caffè aiuta a mantenere alta la produttività e a non gravare sulla salute della schiena e degli occhi, nonché dello stress generale.

Il remote working non deve trasformarsi in isolamento: la socialità è cruciale quando si lavora per obiettivi comuni. Nel lavoro team-driven, conoscere i colleghi con cui si lavora aiuta il coordinamento e la collaborazione e contribuisce a ridurre gli unconscious biases, vale a dire la tendenza naturale ad avere pregiudizi impliciti.

Le vie di comunicazione devono rimanere aperte per evitare che la distanza fisica diventi anche una barriera creativa: organizzando incontri e confronti periodici, anche di natura ricreativa come un aperitivo, può essere un’ottima occasione per fare brainstorming.

Per concludere, non esiste un equilibrio perfetto. Ecco perché l’ideale è restare aperti alle esigenze di ognuno e provare ad abbracciare la diversità dei metodi e degli stili lavorativi. Mentre alcuni Makers trovano ispirazione nel comfort di casa o da una spiaggia soleggiata, altri prosperano nella collaborazione dell’ufficio.
Il sistema ibrido è l’approccio semplice che lascia che ognuno trovi il proprio equilibrio, massimizzando la produttività nel rispetto della propria work-life balance.

Restiamo in contatto?

Ogni tanto ti invieremo un’email per raccontarti le cose belle che facciamo.

Ragione Sociale  DIGITALMAKERS S.R.L. | Capitale sociale: 10.000€ | Partiva Iva 06823260820 | info@digitalmakers.media | Privacy Policy e Cookie Policy
menu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram